giovedì 2 giugno 2016

April and May Wrap Up

Buona Festa della Repubblica, miei cari lettori!
Contenti che l'estate stia arrivando? Avete dei progetti per il ponte? Purtroppo per me l'arrivo di giugno significa che gli esami si stanno avvicinando e dunque mi tocca chiudermi in clausura per studiare #maiunagioia 

A proposito di questo, a fine post vi metterò a parte di una decisione che ho preso riguardo al blog, leggete fino in fondo se vi può interessare ;) Per il momento, però, veniamo all'argomento di oggi. Dato che lo scorso mese ho saltato l'appuntamento, ecco che oggi parleremo delle cose lette e viste negli ultimi due mesi. Si prospetta un post bello ricco, per cui bando alle ciance e cominciamo!

Books

Sia ad aprile che a maggio ho concluso rispettivamente un libro. Può sembrare buffo ma la cosa mi rende particolarmente orgogliosa perché si tratta di due classici che volevo leggere da una vita, che fanno parte delle reading challenges che sto portando avanti e che di solito spaventano per la loro mole. Il primo l'ho letto in solitaria, mentre il secondo in compagnia grazie ad un gruppo di lettura. Prima di allora non avevo mai partecipato seriamente ad un gruppo di lettura, ma questa volta mi sono voluta impegnare e devo ammettere che si tratta di un'esperienza bellissima e divertente, alla fine la lettura si è rivelata meno impegnativa e più stimolante perché la condividi e ti confronti con altri lettori. Si è formato un bel gruppo e ora non vediamo l'ora di scegliere un altro volumazzo da affrontare insieme. Voi avete mai partecipato a gruppi di lettura? Raccontatemi la vostra esperienza, sono curiosa ☻ 

Libri terminati

Guerra e Pace di Leo Tolstoy


Non vi sto neanche a raccontare la soddisfazione provata nel terminare la gloria di 1400 pagine *w* Leggere Guerra e Pace è un'esperienza di vita, è uno di quei libri che ti rende un lettore migliore una volta che lo hai finito. Non si tratta tanto di superare la paura verso il numero di pagine perché, se la storia riesce a catturarvi, sono sicura che nulla vi potrà frenare dal continuare la lettura. È importante, però, scegliere il momento giusto. Se non vi sentite ancora pronti, se al momento non provate interesse per la storia e ne vedete la lettura come un obbligo, allora non intraprendete questo viaggio. Sono convinta di averlo letto nel momento giusto della mia vita perché ho compreso certi aspetti meglio di quanto avrei potuto fare a quindici anni. Guerra e Pace mescola tanti generi, per questo motivo trovo che possa incontrare i gusti di un vasto pubblico di lettori: c'è sì la storia d'amore, ma c'è anche tanta politica, critica della società, guerra, filosofia. Ho sentito che c'è chi consiglia di saltare a piè pari le parti relative alla guerra perché troppo noiose. Volete il mio consiglio spassionato? Non saltate nulla, almeno alla prima lettura. In un modo o nell'altro gran parte dei personaggi sono coinvolti in quei capitoli e rischiereste solo di non avere un quadro completo dei personaggi di cui state leggendo e a cui vi state magari affezionando. Il mio giudizio su Guerra e Pace è assolutamente positivo, assegno il massimo voto, anche se l'epilogo mi ha fatto storcere un po' il naso. Caro Tolstoy, sul finale mi hai fatto lo scivolone! 5/5 stelline

Via col Vento di Margaret Mitchell

Di Via col Vento avevo visto il bellissimo film, vincitore di premi Oscar a palate, e mi ero sempre ripromessa di leggere il libro. Il film, per quanto ben fatto sia, non è che la punta dell'iceberg del libro. La Mitchell è stata capace di raccontare una storia meravigliosa, con dei personaggi complessi, memorabili, caratterizzati alla perfezione, sullo sfondo di un tumultuoso contesto storico come quello della Guerra Civile americana. In più, compie una scelta ardita perché la protagonista della storia non è la tipica eroina che segue sempre il bene. No, Rossella è viziata, egoista, testarda, ma anche caparbia e dalla tempra d'acciaio; a volte ti sorprende con scelte coraggiose e altrettante volte con scelte per le quali la prenderesti a schiaffi. O la si ama o la si odia. E come dimenticare poi il mio adorato Rhett Butler, così dolcemente mascalzone, o quella piccola grande donna di Melania o ...beh, quell'ameba senza spina dorsale di Ashley lo dimenticherei volentieri xD
Non posso che consigliarvi la lettura di questo capolavoro, sono piuttosto sicura che saprà conquistarvi come ha fatto con me. Però, scegliete con cura l'edizione che leggerete, non vorrei mai che foste costretti a leggere congiuntivi e condizionali messi ad cazzum, peculiare caratteristica delle traduzioni più datate. 5/5 stelline

Libri in lettura

Al momento sto leggendo La Cripta dei Cappuccini di Joseph Roth, primo di una serie di libri che devo leggere per l'esame di letteratura tedesca. In realtà ho letto ancora poche pagine, troppo poche per farmi un'idea ben precisa. Tuttavia l'inizio sembra promettente, quindi sono fiduciosa. Voi, cari lettori, lo avete letto o ne avete sentito parlare?

sabato 28 maggio 2016

Liebster Award 2016


Salve a tutti, cari lettori!
Non ci si legge da un po', eh? Prima di tutto vi chiedo umilmente scusa per la mia sparizione (riuscirò mai ad iniziare un post senza una sequela di scuse? xD). Come al solito sono stata risucchiata dalla vita universitaria, questo semestre mi sono toccati degli orari di lezione massacranti e prove in itinere à gogo. Credetemi se vi dico che l'unica cosa che avrei voluto fare, una volta tornata a casa, dopo una giornata di lezioni non-stop, era dormire. Ora le lezioni stanno finendo ma a breve inizieranno gli esami, pertanto questa sarà soltanto una visitina veloce da parte mia.
Recentemente due carinissime blogger - Alexis di La Tartaruga si Muove e Vali di Rosso Meraviglia  - mi hanno nominata per il celeberrimo Liebster Award di quest'anno. Colgo l'occasione per ringraziarle infinitamente, sono state dolcissime e mi ha fatto molto piacere che entrambe abbiano pensato al mio angolino *w*
Il regolamento prevede di:

♣ Ringraziare chi ti ha premiato
♣ Scrivere qualcosa sul blog che preferite
♣ Rispondere alle 11 domande del blog che ci ha nominato
♣ Scrivere a piacere 11 cose su di te
♣ Nominare a tua volta 11 blog con meno di 200 followers
♣ Formulare 11 domande per i blog nominati 
♣ Informare i blogger della nomination

I ringraziamenti li abbiamo fatti, ora passiamo al blog che preferisco. In realtà non vi è un solo blog che seguo più assiduamente di altri, cerco di dare un'occhiata un po' a tutti quelli cui sono iscritta. Di conseguenza vi cito un paio di blog che seguo con costanza: Librangolo Acuto - la rubrica Photoshop non ti conosco, obbrobio non ti temo, Paint ti amo di Nereia è fantastica, il lunedì mi faccio sempre delle grandi risate - Stories - io e Fede abbiamo gusti simili in fatto di film e spesso mi trovo d'accordo con il suo giudizio - La Tartaruga si Muove e The Road to hell is paved with books - le cito insieme perché entrambe leggono tantissimo, specialmente generi che magari io non affronto spesso, quindi costituiscono un'immancabile fonte di ispirazione per me. Potrei proseguire ancora ma, se non vogliamo che questo post duri un'eternità, credo che sia meglio fermarci qui ☻

Le domande di Alexis

1) Leggete gli oroscopi?

Se mi capita sì. Non sono molto fissata con l'oroscopo, in verità neanche ci credo, però mi capita di leggerlo quando sfoglio una rivista e trovo la pagina dedicata, in questo caso butto un occhio giusto per curiosità. Mi interessano di più le caratteristiche dei segni zodiacali, anche se nel mio caso non ci prendono molto xD Vi faccio l'esempio: io sono del Leone con ascendente Leone. Di solito le caratteristiche dei Leocini sono: l'essere estroverso (no, direi che non mi riguarda), la propensione al comando (ma dove?! xD), il voler stare al centro dell'attenzione (ma anche no!) e l'orgoglio (ok, forse giusto un pochettino. Sono un Leone tipico, vero?

2) Copertina morbida o rigida?

Non saprei, compro indifferentemente libri con copertina rigida e morbida. Forse la rigida perché ha quel tocco di fascino in più, ma io non butto via niente eh eh xD

3) Come avete scelto il vostro nickname?

Non ho un nickname, Valentina è semplicemente il mio nome.

4) Quali serie tv seguite al momento?

Al momento sto seguendo poche serie tv perché gran parte di quelle che seguo abitualmente hanno concluso la stagione. Adesso sto guardando Game of Thrones e Outlander, ho da poco iniziato anche Galavant e domani inizia la terza stagione di The Musketeers, che seguirò assolutamente.

5) La prima canzone che vi appare sul lettore mp3

Drumming Song dei Florence and the Machine perché l'ho ascoltata in loop per mesi, la adoro.

6) Il prezzo massimo che siete disposte a pagare per un ebook

Pochissimo, massimo 3/4 euro. Quando compro gli ebooks, cerco sempre di prenderli tramite offerte super stracciate. Ci sono prezzi troppo elevati, assolutamente esagerati per gli ebooks e oltretutto non rispettano lo spirito con cui lo stesso ebook è nato (cioè, per costare poco).

7) Dove vorreste andare in vacanza?

Troppi posti, non posso elencarne uno solo! Dunque, il primo fra tutti è Londra (o in generale nel Regno Unito) perché non ci sono mai stata e spesso vi ho confessato che il mio cuore è per metà inglese. Poi mi piacerebbe fare un road trip nelle varie città dell'Irlanda, vorrei andare in Norvegia, sogno di andare in Islanda alla Blue Lagoon e di vedere l'aurora boreale. Insomma, facciamo tutto il mondo e non se ne parla più! ;P

8) E con quale personaggio letterario/cinematografico?

Per il personaggio letterario direi Rhett Butler perché in questo periodo sto in fissa con Via col Vento e Rhett è un super manzo. Per il personaggio cinematografico andiamo con Loki (o un qualsiasi ruolo che abbia interpretato il Tommaso adorato) per ovvie ragioni.

8) Guardate la vostra libreria e scegliete il 13°libro, qual è?


Il 13° è questa bellissima edizione illustrata delle fiabe di Hans Christian Andersen in tedesco, comprata da mia sorella qualche anno fa quando fece l'Erasmus in Germania. È stupenda, rientra tra i libri più belli che possiedo, però non ho ancora avuto l'occasione di leggere nessuna delle storie al suo interno. Sto pensando di leggere qualcosina a breve come esercitazione per il prossimo esame di tedesco.

10) Vi piacciono i musical o non li sopportate?

Adoro i musical! *w* Anzi dovrei guardarne di più. Tra i miei preferiti ci sono Il Fantasma dell'Opera, Les Mis e Mamma Mia!

11) Se un autore vi ha deluso, gli date una seconda possibilità o con voi ha chiuso?

Dai, una seconda possibilità non la nego a nessuno. Infatti, sto considerando l'idea di leggere altro di Markus Zusak nonostante il suo Storia di una Ladra di Libri mi abbia delusa tantissimo. Più che altro ci tengo a capire se sia proprio il suo modo di scrivere che non sopporto o forse era semplicemente la storia che non era giusta per me.


domenica 10 aprile 2016

March Wrap Up

Buona domenica, miei cari lettori!
Nonostante l'estremo ritardo, oggi è tempo di Wrap Up! Scusate l'assenza di questi ultimi giorni, ma ho dovuto preparare una materia in fretta e furia e l'esame è stato proprio venerdì. È andata benissimo, quasi non ci credevo, anche perché io sono il tipo che inizia a studiare per un esame con largo anticipo per paura di ritrovarsi con l'acqua alla gola all'ultimo momento. Se c'è una cosa che ho imparato con fatica in questi tre anni di università è proprio questa: bisogna buttarsi e basta. Che vada bene o che vada male, è tutta esperienza per la prossima volta. Quindi, se siete ansiosi come me, non lasciatevi vincere dalla paura di non farcela perché alla fine sarete voi a vincere. 


Messaggio motivazionale a parte, il mese di marzo è stato proficuo, specialmente dal punto di vista cinematografico e telefilmico. Iniziamo dai libri!


Books

Libri terminati

Ifigenia in Tauride di Johann Wolfagang  von Goethe

Questo è uno dei libri che ho deciso di portare per l'esame di letteratura tedesca, che ho avuto all'inizio del mese scorso. La prof ci aveva fornito una lista di libri, dalla quale dovevamo scegliere quattro titoli da leggere e da studiare in maniera approfondita. In questo dramma, Goethe riprende un tema classico, la storia dell'Ifigenia di Euripide. Ma lo rielabora con alcune sostanziali differenze, tanto che questo dramma diventa poi il simbolo del classicismo di Weimar. Essendo una sacerdotessa, Ifigenia ha il compito di sacrificare alla dea del tempio i barbari che giungono in Tauride, seguendo quelle che sono le usanze della terra in cui si trova, le quali però vanno contro gli usi e costumi della protagonista, che invece è greca. Quando in Tauride giunge come prigioniero Oreste, fratello di Ifigenia, la situazione si complica: Ifigenia deve andare contro il suo dovere di sacerdotessa e salvare il fratello oppure attenersi alla legge e compiere il sacrificio? Il dramma è molto interessante per le tematiche e per i rapporti che legano i vari personaggi, però rimane pur sempre un dramma, il quale diventata certamente più apprezzabile se visto a teatro piuttosto che letto sulla carta. Se avete una passione per i miti greci o volete leggere qualche opera del classicismo tedesco, allora ve lo consiglio. In caso contrario non vi perdete nulla, questi sono testi che forse interessano più gli specialisti o gli studiosi del settore. Voto 3/5 stelline!

Libri in lettura
Come il mese scorso ho ancora in lettura i miei adorati Guerra e Pace e Via col Vento. Il primo cercherò di finirlo questo mese, mi manca davvero poco e non vedo l'ora di parlarvene; mentre il secondo lo sto leggendo con un gruppo di lettura - esperienza che mi sta piacendo tantissimo - quindi, considerando che si leggono cinque capitoli a settimana, ci vorrà un bel po' per giungere alla fine.


Movies



Trumbo (2015) - 4/5
Ex Machina (2015) - 4/5
Bastarsi senza Gloria (2009) - 4.5/5
The Grand Budapest Hotel (2014) - 4/5
The Book Thief (2013) - 3.75/5
The Dressmaker (2015) - 4/5
Pride + Prejudice + Zombies (2016) - 3.5/5
Dallas Buyers Club (2013) - 4/5


Movie Jar

Dopo il successo dello scorso mese, anche ad aprile pescherò dei titoli di film dalla mia piccola jar. Se non sapete di cosa sto parlando, vi rimando al precedente Wrap Up. In breve, ogni mese sceglierò a caso, pescando dei bigliettini dalla jar, dei film che sono nella mia watchlist da un po' per vederli durante il mese. A marzo erano usciti Bastardi senza Gloria, The Grand Budapest Hotel e Dallas Buyers Club, tutte pellicole validissime, delle quali vi parlerò nella rubrica dei film. 
Questo mese sceglierò solo due film perché voglio lasciarmi un po' di libertà e vorrei leggere di più. Anche questa volta sarà mia mamma a scegliere i bigliettini, quindi diamo inizio alle danze! Rullo di tamburi prego ....i film da vedere questo mese sono Big Fish e The Lobster!
Sono contenta che siano usciti questi due film, non vedo l'ora di vederli perché ne ho sentito parlare un gran bene. Se li avete visti, fatemi sapere cosa ne pensate ;)


lunedì 28 marzo 2016

(#13) Just Movies, please! - Carol, Il Caso Spotlight, La Grande Scommessa, Steve Jobs



Buona Pasqua e buona Pasquetta, miei cari lettori!
Vi state divertendo in questi giorni di festa? Spero che vi stiate concedendo tante buone leccornie e tanto cioccolato - perché sì, non c'è età per l'uovo di Pasqua! Anche oggi continuiamo con un altro quartetto di film candidati agli Oscar 2016. Prima di iniziare, però, volevo informarvi che ho finalmente aggiornato la sezione Movies del blog, dove potete trovare tutti i film di cui vi ho parlato in questa rubrica. Ho aggiunto le locandine dei film e li ho suddivisi in base all'anno in cui sono stati visti. Prima non era una zona molto allettante, visto che si trattava di un misero e triste elenco di post, quindi spero che la troviate migliorata. Fateci un salto e scrivetemi cosa ne pensate o se avete qualche suggerimento. Inoltre - forse l'avrete già notato perché vi sto bombardando - ho imparato a fare i collage di foto! A molti di voi può sembrare che abbia scoperto l'acqua calda, in realtà, per una ciompa tecnologica come me, costituisce una piccola conquista.



Bene, a questo punto non ci resta che iniziare!


Carol (2015) regia di Todd Haynes con Cate Blanchett, Rooney Mara, Sarah Paulson
Titolo originale > Carol


Basato sul romanzo di Patricia Highsmith, Carol racconta la storia di due donne, Carol e Therese, la quali, sin dal loro primo incontro, provano una forte attrazione l'una verso l'altra. Ma Carol e Therese non potrebbero essere più diverse: la prima è una donna matura, ricca, intrappolata in un matrimonio di facciata con un uomo che non si decide a lasciarla andare, dal quale però ha avuto l'adorata figlioletta; la seconda, invece, è giovane, ha una grande passione per la fotografia, vorrebbe di più dalla vita, ma nel frattempo si accontenta di lavorare in un negozio di giocattoli di un grande magazzino. Ed è proprio in questo negozio che Carol e Therese si incontrano e dove scatta la scintilla, la quale a poco a poco si trasforma in un amore intenso, profondo che le porterà a desiderare una vita insieme, lontana dai pregiudizi della gente.
In effetti, Carol aveva tutto il potenziale per essere un gran bel film. Da un punto di vista puramente estetico, non gli si può dire nulla, è perfetto. I costumi e la fotografia sono impeccabili, la storia è interessante, non mancano di certo ottime interpretazioni; però, il grande problema che ho avuto con questo film è che mi è sembrato troppo freddo. Come se fosse una bella cartolina, della quale non puoi fare a meno di riconoscerne la bellezza, ma che alla fine non ti trasmette nulla. C'è poco calore in questo film, poche emozioni, ed è un vero peccato perché, con una storia così travagliata, si poteva osare, si poteva coinvolgere, si poteva puntare sulle emozioni. Dai vari commenti che mi è capitato di leggere, ho notato che siamo stati in molti ad avere questa impressione. L'avete avuta anche voi? Fatemi sapere. 
Per quanto riguarda i due personaggi principali, ho preferito Carol perché il suo percorso è più interessante, più complesso. Carol è essenzialmente una donna decisa, che sa cosa vuole, proprio perché ha già attraversato la fase di scoperta della propria identità e dei propri interessi. Vive una vita fatta di sicurezze, una vita piatta, certo, ma perlomeno può trovare conforto nella sua bambina, nel vederla crescere e nello starle accanto. Quando incontra Therese, Carol ritorna a sperare nell'amore e si batte per la propria felicità. Carol è quindi una donna divisa: da un lato, dall'amore per Therese, e dall'altro, dall'amore verso la figlia. Il marito, che è ancora innamorato di lei e che non si rassegna al fatto che sua moglie sia interessata ad altre donne, la mette in condizione di dover rinunciare a una delle due cose, non può avere entrambe. Cate Blanchett, la divina Cate, è bravissima come sempre, mi è piaciuta molto, eppure non posso dire che si tratti del suo ruolo migliore.
Rooney Mara è semplicemente deliziosa. Vi devo confessare che, dopo aver visto il disastroso Pan, dove ho visto questa attrice in un'agghiacciante Tiger Lily, non nutrivo molta simpatia per Rooney. Mi sono dovuta ricredere, ho trovato la sua Therese delicata, sensibile, davvero amabile. Proprio per la sua giovane età, Therese non sa ancora quello che vuole, ha una vaga relazione con un ragazzo, il quale vorrebbe sposarla e che lei puntualmente rifiuta perché in cuor suo sa di non amarlo. Soltanto l'incontro con Carol è decisivo per aiutarla a fare chiarezza dentro di sé e nei propri sentimenti.
Per farla breve, la visione di Carol è comunque consigliata, ma vi suggerisco di non riporre grandissime aspettative. Voto 3.5/5


TRAMA



sabato 19 marzo 2016

(#12) Just Movies, please! - The Danish Girl, Room, Joy, The Martian



Buon sabato, cari lettori!
Come promesso, quest'oggi inizio la carrellata dei film visti negli ultimi due mesi e mezzo. In questo periodo mi sono impegnata a recuperare tutti - o quasi - i film candidati agli Oscar, in quanto era mia intenzione giungere preparata alla proclamazione dei vincitori, avendo ben consolidate le mie preferenze. Mai prima di quest'anno avevo visto così tanti film in nomination, ed è stato bello perché ho scoperto pellicole alle quali non avrei dato alcuna speranza e che invece ho apprezzato molto. Mi sarebbe piaciuto anche scrivere un post-commento sulla cerimonia ma, per motivi di tempistica, l'idea è sfumata. Se vi interessa l'argomento, potrei organizzarmi e riprovarci il prossimo anno, che ve ne pare?
Bene, cominciamo subito perché abbiamo tanta carne al fuoco in questo post!

The Danish Girl (2015) regia di Tom Hooper con Eddie Redmayne, Alicia Vikander, Amber Heard, Matthias Schoenaerts, Ben Whishaw
Titolo originale > The Danish Girl


Da quando è uscito il trailer, non vedevo l'ora di vedere The Danish Girl perché anche solo quei due minuti di pellicola mi avevano letteralmente frantumato il cuore. Quindi avevo grandi aspettative, che sono state ampiamente soddisfatte, perché ho amato molto questo film. Vediamo prima la storia: Danimarca, 1926. Einar Wegener è un pittore di successo, che è diventato famoso dipingendo gli splendidi paesaggi naturali del suo luogo di infanzia; è sposato con Gerda, anche lei pittrice, la quale però fatica a trovare il soggetto perfetto per i suoi quadri. Un giorno, Gerda invita il marito ad aiutarla e gli chiede di posare per lei in vesti femminili. In quel momento esatto, in Einar si risveglia la consapevolezza profonda che il corpo con cui è nato non gli appartiene e che lo porterà a cambiare sesso, diventando Lili Elbe, la prima transgender della storia.
Dal punto di vista tecnico, The Danish Girl è impeccabile: l'ottima regia - del resto, dal regista di Les Miserables non ci potevamo aspettare altro - le ambientazioni spettacolari, i bellissimi costumi, le meravigliose musiche di Desplat, e ultimo ma non per importanza, l'altissimo livello recitativo da parte del cast. Insomma, vedere The Danish Girl è anche un piacere per gli occhi. La storia è bellissima e commovente, ho apprezzato molto il fatto che il film non si concentri esclusivamente sulla figura di Einar/Lili, ma dia grande importanza anche al personaggio di Gerda, che io ho amato molto. Infatti, per me la bravissima Alicia Vikander poteva benissimo essere candiata agli Oscar come attrice protagonista, piuttosto che come non protagonista, categoria in cui ha meritatamente vinto. Se proprio devo essere pignola e devo trovare un difettuccio, direi che il ritmo del film è lento, in certi punti un pochino troppo, e che forse si poteva ridurre leggermente la durata complessiva del film. Ma nulla di grave, alla fine non risulta noioso o pesante, e questo è l'importante.
Anche a questo giro, Eddie Redmayne ci ha regalato una grande interpretazione. Lo reputo uno degli attori più bravi del panorama cinematografico attuale, lo aveva già dimostrato in La Teoria del Tutto, lo conferma con il difficile ruolo di Lili in questo film, risultando, se mi posso permettere, anche molto graziosa come donna ☻ Prevedibile e meritata la candidatura come migliore attore, ma non la vittoria perché, sebbene mi sia piaciuto molto, la sua interpretazione non mi ha convinta al 100%. Mi sarebbe piaciuto vedere una crescita graduale della consapevolezza di essere donna nel personaggio, specialmente nella seconda parte del film, quando Lili è ormai decisa a compiere l'ultimo passaggio, l'operazione. Invece Lili, una volta presa coscienza della propria identità, rimane sempre la stessa anima fragile e delicata che era all'inizio del suo percorso, diventando forse il simbolo di una femminilità un po' stereotipata. Ecco, per questo leggero difettuccio non puntavo su di lui come miglior attore - la mia preferenza andava a Leornadino, che finalmente ha raggiunto l'agognato traguardo ♥ - però sarei stata comunque contenta di una sua vittoria. Eddino caro, stai tranquillo, ti adoro lo stesso!
L'interpretazione più bella ed emozionante, secondo me, ce la offre Alicia Vikander nei panni di Gerda. Avevo avuto modo di apprezzarla già in Testament of Youth, ma qui supera se stessa. Gerda è una donna con una forza incredibile, che prova un amore sconfinato per il marito, ed è proprio questo amore che le permette, anche se con fatica, di lasciarlo andare e di lasciarlo essere felice. Nonostante il dolore che la scelta di Lili le provoca, Gerda non l'abbandona, anzi diventa la sua roccia, ed è un messaggio stupendo perché l'amore supera qualsiasi cosa. Alicia Vikander risulta straordinaria e, come vi ho accennato, era la mia favoritissima agli Oscar e non potevo essere più contenta della sua vittoria.
Nel cast abbiamo anche Amber Heard nei panni di Ulla, ballerina, amica di Einar e Gerda, ma anche Matthias Schoenaerts, amico d'infanzia di Einar, che diventa la spalla di Gerda nei momenti più difficili. Mi sono piaciuti entrambi, anche se si vedono poco - Amber più nella prima parte e Matthias più nella seconda. C'è anche prezzemolino Ben Whishaw: lo chiamo prezzemolino perché c'è stato un periodo in cui me lo sono ritrovata in ogni film che guardavo, stessa cosa con Domhnall Gleeson - che qui non c'è, eh. Ma quanta roba hanno girato questi due? Vabbè, alla fine poco male perché mi piacciono tantissimo entrambi.
In conclusione, consiglio caldamente la visione di The Danish Girl, ne vale sicuramente la pena. Voi l'avete visto? Avete letto il romanzo da cui è tratto il film? Fatemi sapere! Voto 4.5/5

TRAILER

martedì 15 marzo 2016

January and February Wrap Up + Movie Jar




Salve a tutti, cari lettori!
Dopo una lunga assenza, ecco che ritorno nel mio angolino! Mi dispiace di essere sparita anche questa volta, ma purtroppo quando gli esami chiamano, non c'è nulla da fare. Venerdì scorso ho dato l'ultimo esame e ora, dopo qualche giorno di dolce far niente, sono pronta a ritornare. Questa sessione è stata lunghissima ed estenuante, ma ho il sospetto che la prossima sarà ancora peggio T.T Toglietemi una curiosità: anche da voi i professori fanno a gara per fissare gli appelli lo stesso giorno? Non lo so, forse credono che i poveri studenti siano dotati del dono dell'ubiquità. È pazzesco, creano problemi enormi, e tu, studente scarognato, devi inventarti strategie per far combaciare i tempi. 
Ma lasciamo perdere, oggi ho voglia di parlare solo di cose belle ☻ 
Prima di tutto, ci tenevo a ringraziarvi per essere rimasti con me durante la mia assenza, lo apprezzo tantissimo e vi abbraccio tutti ♥ 
Poi, come spesso mi succede durante le pause, mi sono frullate in testa tantissime idee per rinnovare il blog. Non vi anticipo niente, ve le mostrerò pian piano nei prossimi mesi perché preferisco introdurle poco per volta. Oggi, però, vi presento giusto due piccole novità, che spero vi possano piacere. Partiamo dalla prima: il Wrap Up cambia format! Solitamente questa rubrica è stata sempre dedicata ai libri conclusi nei mesi presi in esame; ma, dal momento che i miei ritmi di lettura si sono notevolmente abbassati, da oggi in poi nel riassunto mensile faranno la loro apparizione anche film e telefilm. Ormai non pubblicavo più Wrap up mensili proprio perché non avevo abbastanza materiale da mostrarvi, ma così facendo spero che la programmazione possa ritornare ad essere costante, tutti i mesi. 
Passiamo subito all'azione e vediamo insieme cosa ho letto e visto in questi mesi ;)


Books

Mi duole ammettere che sia a gennaio che a febbraio non ho portato a conclusione nessun libro. In effetti, mi sono lanciata sulla lettura di un bel mattoncino e leggere Guerra e Pace durante una sessione di esami non è proprio l'ideale, però poco importa perché lo sto adorando ♥_♥
Perché ho scelto di leggere Guerra e Pace? C'è lo zampino della mia adorata BBC, of course. A gennaio ho iniziato a vedere la nuova serie che è stata tratta e mi sono subito appassionata, dopo la prima puntata ho capito che dovevo leggere il romanzo, della serie "ora o mai più". Il libro è bellissimo, non lo trovo assolutamente pesante o noioso, neppure le parti di guerra o più spiccatamente politiche, è denso di avvenimenti, i personaggi sono uno più bello dell'altro - ah, il mio Andrej! ♥ - insomma lo adoro. Ora che ho finito gli esami, spero di riuscire a terminarlo presto, possibilmente entro fine mese.
Non contenta, mi sono lanciata su un altro bel mattoncino: Via col Vento di Margaret Mitchell. Ho come il presentimento che questo sarà l'anno dei recuperoni, che ne dite? xD
Ho scelto di iniziare anche Via col Vento perché sto partecipando ad un gruppo di lettura su FB, il gruppo della Penny, e volevo provare questa esperienza. In passato avevo già partecipato a due gruppi di lettura ma, per un motivo o per un altro, la lettura procedeva più in solitaria. Con questo gruppo, invece, si leggono cinque capitoli a settimana e poi il lunedì sera ci si ritrova e si commenta quello che si è letto. Il sondaggio per la scelta del classico da leggere è stato bello combattuto, si sono affrontati in un testa a testa Middlemarch di George Eliot, libro che io avevo votato, e Via col Vento. Alla fine l'ha spuntata quest'ultimo, ma io sono contenta lo stesso perché ho visto e stravisto il film e prima o poi avrei sicuramente letto anche il libro. Il romanzo mi sta piacendo molto, lo trovo scorrevolissimo, ma quei congiuntivi e quei condizionali buttati a come viene prima nella traduzione mi fanno male agli occhi. Orrore! Mondadori, ma che mi combini?!
Se vi interessa il salotto di lettura e vorreste partecipare, fatemelo sapere nei commenti così vi lascio il link del gruppo ;)



Movies

Questa nuova sezione l'ho concepita come una sorta di preview dei film di cui parleremo nella rubrica vera e propria, qui non mi dilungherò in commenti, altrimenti il post diventerebbe troppo lungo e sappiamo tutti quanto io possa diventare prolissa. Si nota che in questi mesi mi sono impegnata a recuperare i film candidati agli Oscar? xD


The Danish Girl (2015) - 4.5/5 
♦ Joy (2015) - 3.5/5 
♦ Suffragette (2015) - 4/5 
♦ The Martian (2015) - 4.5/5 
♦ Macbeth (2015) - 4/5 



The Big Short (2015) - 3.5/5 
Room (2015) - 4.5/5 
Carol (2015) - 3.5/5 
Spotlight (2015) - 4.5/5 
Steve Jobs (2015) - 4/5 

martedì 9 febbraio 2016

(#2) Tea Time: Life Update, Tom Hiddleston e blatere varie ...

Buongiorno, miei cari lettori!
È da un po' che non ci leggiamo, me ne rendo conto e mi scuso sinceramente. La ragione della mia sparizione è la solita: esami, esami, esami. Non mi addentro a descrivervi il periodo stressante e ansiogeno che sto vivendo perché penso che mi possiate capire *abbraccio di gruppo*. Non mi posso considerare ancora libera, per ritornare alla normalità se ne parla a marzo, però oggi avevo voglia di blaterare con voi, quindi mi sono concessa una piccola pausa con questo post nonsense, privo di uno scopo se non quello di fangirlare. Specialmente su questo signorino qui ...


Ebbene, voi lo sapete, a casa Reading Out Louder il Tommaso occupa un posto speciale. Spesso e volentieri vi inserisco nei post manzi d'eccezione, giusto per rendere più friccicarella la lettura, però Tom Hiddleston sta sempre lì in alto, seduto sul trono dell'Olimpo della manzitudine. 
Oggi il nostro Tom compie gli anni, quindi uniamoci in coro ed auguriamogli buon compleanno. Tom, grazie perché ci regali splendide interpretazioni, perché sei una persona bella tanto fuori quanto dentro, perché ci hai fatto sognare con la tua voce e le tue doti da ballerino e ...perché hai innalzato le nostre aspettative sugli uomini. 
Happy Birthday, dear Tom! ♥


Tra l'altro, sapendo bene l'effetto che scatena nelle sue ammiratrici, oggi il caro Tommaso ha deciso di pubblicare su Twitter un nuovo trailer di High Rise. Cara Sienna Miller, tutto il popolo femminile condivide il tuo pensiero, credimi *w*


Il film esce il 18 marzo in UK, ma non ho idea se lo troveremo mai nei cinema italiani. La storia sembra promettente ed interessante, non ho letto il romanzo di J.G. Ballard da cui è tratto, però ho grandi aspettative.
Prima del 18 marzo, però, Tom lo vedremo in casa BBC con la trasposizione di The Night Manager, miniserie in sei puntate tratta dal romanzo di John Le Carrè. Nell'ultimo Wrap Up vi ho accennato cosa ne penso di questo romanzo di spionaggio, un genere insolito per me. Il romanzo mi è piaciuto abbastanza, non vedo l'ora di vedere la serie, anche se dal trailer ho notato delle differenze. La più evidente? Il personaggio di Burr da uomo mi è diventato donna nella serie, però va bene uguale, mica stiamo a guardare il capello. Tom e Hugh Laurie mi sembrano perfetti per interpretare rispettivamente Jonathan Pine e Roper, con Elizabeth Debicki non potevano scegliere una Jed migliore, e poi ci stanno un sacco di volti conosciuti, tipo Frank/Captain Randall di Outlander, il quale non ho capito che ruolo abbia. Lettori, appuntiamoci sull'agenda 21 febbraio su BBC One. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...